La reputazione non è la misura del successo. Conta di più l’onestà.

Mariarosaria Taddeo, docente di cyber etica a Oxford, presidente dell’International association for Computing and philosophy, interviene nel dibattito sui criteri di valutazione della reputazione applicati alle persone. L’intervista di Pino Finocchiaro.

http://www.rainews.it/dl/rainews/media/Oxford-Mariarosaria-Taddeo-International-association-for-Computing-and-philosophy-e221c741-f656-46e2-a53c-ee2871d4fad6.html

Nasce Mevaluate, la prima Banca online della Reputazione

(PRIMAPRESS) MILANO –

primapress

Quanto vale la reputazione di una persona, di un professionista, di un’azienda? E come la si può certificare in maniera obbiettiva o difenderla da aggressioni strumentali? Ancora: quanto è possibile fidarsi delle referenze attualmente disponibili, come quelle che circolano sui social degli operatori della sharing economy o come i vari certificati antimafia, del casellario giudiziario, dei carichi pendenti? A chi sto affidando i miei soldi, i miei beni, le persone della mia famiglia? Mi posso fidare della persona, del professionista, dell’azienda che ho davanti?

Continua a leggere

Mevaluate: nasce la banca dati etica on line della reputazione

Roma, 15 dic. (AdnKronos)

adnkronos

Nasce da un progetto italiano ‘Mevaluate’ (Mev), banca etica online della reputazione, fondata su documenti certi e caratterizzata da un controllo pubblico diffuso. La nuova banca dati e’ stata progettata con la partecipazione del Ccasgo (Ente pubblico multidisciplinare partecipato da dieci pubbliche amministrazioni), che ha seguito i lavori, con il Consorzio Cbi (590 banche associate all’Abi), in qualita’ di osservatore, e di sei aziende corporate.

Continua a leggere

Imprese: nasce ‘MEV’, banca dati online della reputazione -2-

(Il Sole 24 Ore Radiocor)

Rating penale, fiscale, civile, lavoro e impegno sociale

Attraverso una serie di algoritmi (per i quali e’ stata presentata domanda di brevetto negli Stati Uniti con estensione internazionale), Mev e’ in grado di individuare, continua il comunicato, un rating della reputazione che consente di determinare in maniera affidabile il grado di fiducia che puo’ essere riposto in un individuo, un’impresa, un’istituzione pubblica o privata.

Continua a leggere